Imprese, attacchi hacker raddoppiati in Italia

Attacco alle reti aziendaliCome se la crisi economica non bastasse da sola a rendere il mercato difficile, anche gli hacker si mettono ora a complicare la vita degli imprenditori. Nei primi sei mesi del 2013 gli attacchi sono più che raddoppiati, è quanto emerge dalla quarta Cyber Warfare Conference 2013 portando nuovamente lo spionaggio industriale agli onori delle cronache.

Che si tratti di siti, DNS, posta o banche dati, oramai sembra che gli attacchi siano continuativi e a 360gradi su ogni genere di tecnologia. Si parla di circa 16500 intrusioni, contro le 7000 avvenute nel primo semestre del 2012 con un incremento di oltre il 57%.
Le previsioni danno entro la fine dell’anno valori attorno ai 30 35 mila a cui corrisponderanno a sua volta anche perdite raddoppiate. Le ricadute a livello economico sono evidenti, le stime più favorevoli prevedono perdite per 200 milioni di euro per il 2013, dato quasi doppio rispetto a quelle subite nel 2012.
Purtroppo nonostante il fenomeno ormai dilagante sembra che gli attacchi siano ancora sottovalutati. I paesi dell’est ed i balcani sono le zone da cui arrivano le maggior parti delle intrusioni.
La Cyber Warfare conference si è posta come obiettivo quello di monitore lo stato dell’arte del fenomeno e di mettere in comunicazione gli esperti nazionali e internazionali cercando di porre rimedio a questa dilagante ondata di attacchi.

Lascia un commento